03.01.2021

Comunicato stampa UCIIM 03_01_2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 156.6 KB

Messaggio per la XXVI Giornata Mondiale degli Insegnanti indetta dall'Unesco

 

In occasione della XXVI Giornata Mondiale degli Insegnanti indetta dall'Unesco mi è gradito rivolgere il mio messaggio di ringraziamento alle donne e agli uomini che con dedizione e grande senso di responsabilità ogni giorno varcano le soglie delle nostre scuole per incontrare i giovani che le famiglie consegnano alle loro cure. 

Sia che si tratti dell'età infantile o dell'adolescenza nelle sue diverse fasi, l'insegnante è chiamato a lasciare un segno buono e fecondo nella vita dell’alunno a lui affidato.

 La relazione che nella quotidianità dell'impegno scolastico insegnante e alunni costruiscono insieme contribuisce, unitamente alla trasmissione dei saperi ed allo sviluppo delle competenze specifiche, un bagaglio umano e culturale che segna la vita e le scelte dello studente ed arricchisce in umanità la formazione continua dell'Insegnante. 

La gratitudine che esprimo nasce dalla consapevolezza dell'importanza insostituibile della missione educativa dell'Insegnante in modo particolare in questo momento storico segnato dalla pandemia da Covid-19 e dal conseguente cambiamento delle modalità relazionali dettato da giuste precauzioni.  

  "L'educazione è cosa di cuore", amava ripetere san Giovanni Bosco, intendendo sottolineare il ruolo unico che la passione educativa gioca nel processo di insegnamento - apprendimento. Facendo mie le parole del santo dei giovani, auspico che il cuore dei ragazzi a voi affidati possa essere raggiunto dalla Vostra passione e testimonianza umana, nella consapevolezza che, quando l'insegnante riesce a toccare il cuore, tira fuori il meglio da ogni studente.

Monreale 4 Ottobre 2020      † Michele Pennisi

                                               Arcivescovo di Monreale

12/2020

La notizia dell’ illegittimità della sanzione disciplinare a carico della prof.ssa Rosa Maria Dell’Aria pone fine al penoso iter attraversato dalla nostra amica, componente del Direttivo della Pastorale per la Scuola,  docente modello di professionalità e persona di profondo spessore umano. Il nostro più solidale compiacimento alla nostra cara Rosellina.

 

 

Il Direttivo

Solidarietà agli imprenditori contro il pizzo

sostegno agli imprenditori di Palermo.pd
Documento Adobe Acrobat 98.7 KB

30 ottobre 2020

sett- ott/2020

Custodiamo il creato

29 settembre 2020

LAUDATO SI - Itinerari educativi Webinar
Webinar laudato set 2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 402.4 KB

27 settembre 2020

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato

25 settembre 2020

29 agosto 2020

Memoria e profezia
La scuola cattolica radicata nel passato, protesa verso il futuro
memoria e profezia.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.7 MB

9 luglio 2020

Bando CEI.pdf
Documento Adobe Acrobat 132.6 KB

Luglio 2020

Aderiamo alla campagna

Cambiamo mira, investiamo nella pace

campagna contro le armi.pdf
Documento Adobe Acrobat 120.0 KB

Come insegnanti credenti ci impegniamo a sviluppare nei nostri giovani una cultura della pace anche attraverso il senso critico e l’attenzione riguardo alle scelte economiche: il mercato delle armi non è neutrale, alimenta azioni distruttive, serve ai signori della guerra per i loro piani di morte. La pace è un obiettivo mondiale che interessa tutti. I paesi “in pace” non possono alimentare le guerre lontane dai loro territori mistificando ragioni di sicurezza che nascondono immorali interessi economici. Le armi sono strumenti di morte. Chi le fabbrica si rende complice dell’uccisione di esseri umani. La produzione di armi non può neppure giustificarsi con millantate ragioni di sicurezza. Gli Stati Uniti, dove è diffusissima la convinzione che ogni privato cittadino debba possedere un’arma per difendersi da eventuali minacce, non sono affatto un esempio di società sicura e pacifica. La sicurezza non deriva dalle armi e la pace si costruisce su premesse di rispetto e inclusione sociale. La smilitarizzazione mondiale potrebbe consentire di investire in politiche di sviluppo che consentirebbero di azzerare, con le risorse attualmente investite negli armamenti, fame e malattie nel mondo. Senza volere qui approfondire l’argomento, vogliamo semplicemente richiamare l’impegno di coerenza su questi temi, che si impone ad un programma di educazione ai valori democratici e civili e, prima ancora, cristiani.

Aprile 2020

L’Ufficio Pastorale della Scuola - Diocesi di Palermo, esprime i migliori auguri di sereno e proficuo lavoro al nuovo Direttore Generale dell’USR per la Sicilia, dott. Stefano Suraniti

Ringrazio per il gradito e cortese messaggio. Avremo sicuramente occasione di confrontarci per il bene della scuola siciliana.

Cordiali saluti

 

Stefano Suraniti

Ministero dell'Istruzione

Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia

Comunicazione del nuovo Direttore Generale dell'USR - Sicilia
Comunicato_Stefano_Suraniti.pdf
Documento Adobe Acrobat 171.6 KB

24 aprile 2020

Quel che di noi resta

Invito
Quel che di noi resta.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.7 KB

08.01.2021

Comunicato stampa RadioMATER 08_01_2021.
Documento Adobe Acrobat 56.9 KB

19/12/2020

02/12/2020

31/07/2020

05/2020

01/2021